Mr. VOLARE ovvero DOMENICO MODUGNO –

C’è stato un uomo che ha inciso più di 230 canzoni, interpretato qualcosa come 38 film per il cinema e 7 per la televisione, recitato in 13 spettacoli teatrali, condotto alcuni programmi televisivi e vinto quattro Festival di Sanremo. Il primo nel 1958 con un brano intitolato “Nel blu dipinto di blu”.

La canzone ottenne un inaspettato quanto memorabile successo e venne subito ribattezzata dal pubblico Volare. E lui, Domenico Modugno – Mimmo per tutti e Mimì per i genitori e gli amici dell’infanzia pugliese – diventò per il mondo Mister Volare.

Diretta da Riccardo Milani e interpretata da Giuseppe Fiorello nel ruolo del protagonista con Kasia Smutniak nel ruolo di Franca Gandolfi, “VOLARE – la grande storia di Domenico Modugno” è la miniserie tv in due puntate che ha totalizzato un boom di ascolti nelle due serate di programmazione del 18 e 19 febbraio 2013. Il film è una co-produzione Rai Fiction e Cosmo Production realizzata nell’estate 2012 fra la Puglia e Roma. Il soggetto e la sceneggiatura sono di Stefano Rulli e Sandro Petraglia.

Quella del grande artista è una vita da film e “VOLARE – la grande storia di Domenico Modugno” ripercorre le vicende di un ragazzo del sud che, nato e cresciuto in un contesto di grande povertà, dalla Puglia si trasferisce a Roma per inseguire i suoi sogni e la sua passione per il cinema e la musica. E che di sogno e passione continuerà a nutrirsi per tutta la vita. Nella capitale si iscrive al Centro Sperimentale, dove conosce la futura moglie Franca Gandolfi, e inizia a cantare e recitare. Fino al 1958, l’anno della consacrazione, in cui Modugno vince il Festival di Sanremo e trionfa anche in America con un brano che lo renderà celebre tutto il mondo e diventerà la canzone simbolo della musica italiana. ‘Nel blu dipinto di blu’, tradotta in tutte le lingue e trasmessa ininterrottamente dagli altoparlanti di Broadway e dalle stazioni radio, rimase infatti per tredici settimane in testa alle classifiche americane, vincendo due Grammy Awards, l’Oscar del Cash Box Billboard per la migliore canzone, e tre dischi d’oro. In totale ha venduto più di 22 milioni di copie nel mondo, 800.000 copie in Italia dove ha portato alla creazione della prima vera industria discografica. Un pezzo di assoluta modernità che rappresenta ancora oggi nel mondo la canzone italiana moderna.

“VOLARE – la grande storia di Domenico Modugno” è anche il racconto di un grande amore, di un uomo orgoglioso e prorompente, di un talento caparbio e di una passione inesauribile che hanno fatto di Domenico-Mimmo-Mimì Modugno un’icona del nostro tempo.

Dice il regista ……. : Raccontare Modugno è stato un onore e una responsabilità enorme
Perché abbiamo raccontato un uomo che ha inciso profondamente non solo nella musica italiana ma anche nel costume e nella cultura del nostro Paese.
Un italiano bello e importante.
Istintivo, coraggioso, travolgente e fuori dagli schemi. Che ha cantato l’amore ma anche la natura e gli uomini della terra in cui è cresciuto.
E la voce di Modugno e le sue canzoni sono state parte della vita di molte generazioni di italiani e non solo, conquistando poi l’America e il mondo.
E sicuramente, raccontando di Modugno, abbiamo raccontato un pezzo importante della storia del nostro paese.
E ancora …. Un film nel film poi, è quello di Beppe Fiorello, che ringrazio mille volte, alle prese con un personaggio che è stato, è tuttora e rimarrà per sempre, un mito della sua vita.
Quello di Beppe per il personaggio Modugno da interpretare è stato un rapporto intenso e lacerante, una prova d’attore appassionata e altissima.
Beppe ha lavorato giorno per giorno su un personaggio di cui ha ricostruito la storia, il carattere, il talento.
Da parte mia ho cercato di avere rispetto, misura e attenzione che speriamo siano stati sufficienti. L’amore, la riconoscenza e l’ammirazione totale per Domenico Modugno ci sono sempre stati.

Noi siamo, per deformazione professionale siamo andati a sentire la truccatrice del film: Martina Cossu e le abbiamo chiesto di raccontarci del suo lavoro su questo set e della sua passione per questa professione … Presto il linea l’intervista.


Top